10# ….Dammi una Birra!!!

I dati in Italia sono sorprendenti: a fine 2015 erano 959 i micro-birrifici attivi.

Un movimento gastronomico-culturale davvero in pieno fermento!!e “solamente” in pochi decenni, dagli anni ’90, anni dove i primi pionieri si cimentavano con questa passione (….il nome di Teo Musso riecheggia epicamente come quello di 1 eroe di altri tempi).

E in fermento sono anche città, paesi e consorzi e comitati, tutti tesi a promuovere e far conoscere l’impegno e i frutti del genio di molti, soprattutto giovani, che studiano, sperimentano, osano e…. realizzano capolavori da 33, 50 o 75 cl.

Alcuni riescono veramente a fare in botto a livelli sovranazionali (appunto Baladin di Teo Musso è il Case Study del settore)…in ogni caso un po’ tutti raccolgono plausi ed elogi, per il solo fatto di proporre mix di cotte originali e sui generis.

E Homebrewer può diventarlo chiunque, visto che il mercato offre i kit casalinghi di produzione ( quasi fosse il Piccolo Chimico del 2000!) che permettono produzioni sui 25-50lt a cotta…trampolino di lancio per divenirlo in modo professionale.

Oggi porto l’esempio di FARC, esperienza friulana in quel di San Vito al Tagliamento (PN), che dal 2012 offre la propria ammiccante Bionda (Lager), la pirotecnica Rossa (Ambrata Doppio Malto), la Bière de Noel (Ambrata speziata)…e sperimenta nuove lidi e cotte ( brand new: la Nera Stout).

Marco&the Family sono passati in quasi 5 anni dalla produzione per proprio consumo, alla micro produzione attualmente diffusa sul mercato locale, quello che parte dalla partecipazione a fiere ed eventi del territorio, e passa di bocca in bocca..espandendosi…

Pirotecnica l’ho definita la Rossa, perché lo è!Davvero!Partendo dalla necessità di collocarla all’interno della classificazione di stili e tipologie di Birrificazione, e riconoscendole la Natura di Belgian Strong Ale (o Quadrupel), vanno anche evidenziate le sue peculiarità, di percezione iniziale di leggerezza e freschezza (nonostante appunto la tipologia) che converte nella nota di “mezzo” di pienezza, struttura e corposità che come un petardo per l’appunto si sprigiona nel palato e in gola: domina lo spessore dei malti che le permette di esser considerata birra ideale per accompagnare piatti corposi e strutturati, secondi di carne soprattutto, come ad esempio il rinomato (per chi conosce la tradizione friulano-slovena) Ciulacco.

Non solo: l’abilità dimostrata in questi anni di solidificazione della pratica birraia sta appunto nel fatto di aver acquisito 1 metodo (chiamiamolo occhio, fiuto ed esperienza che non guastano!) che garantisce di trovare lo stesso nettare bottiglia dopo bottiglia.

Siete appassionati invece di Easy beers, quelle che dissetano all day long, le amiche della spiaggia, dell’aperitivo rapido e senza pensieri, compagne inseparabili del panino “ignorante”? la Bionda è al caso vostro, schiuma vellutata, leggermente torbida e con retrogusto amarognolo (ma non persistente, ne invadentemente marcato IPA Style), che nel formato da 33cl sembra appunto ammiccare al consumo senza pensieri.

Che altro dire?Linkatevi!

Ps:Grazie Marco per contribuire alla cultura e al piacere del Movimento dell’Home CraftingBeer !!!God blesses you!

***********************************************************************

The data in Italy are amazing: at the end of 2015, 959 micro-breweries were active.

A gastronomic-cultural movement really full swinging !! And all this in “only” few decades, from the 90s, years where the first pioneers competed with this passion (…. the name of Teo Musso echoes epically like that of 1 hero of yesteryear).

And in turmoil are also cities, countries and consortia and committees, all aimed at promoting and publicizing the commitment and the fruits of the genius of many, especially young people, who study, experiment, dare …. and realize masterpieces from 33, 50 or 75 cl.

Some really manage to do a bang to supranational level (precisely Baladin Teo Musso is the Case Study in the industry) … in any case a bit all gather acclaim and praise, by the mere fact of proposing mix of original and baked beers sui generis.

And Homebrewer can become anyone, given that the market offers homemade production kit (as if the little chemmie of 2000!) that allow productions on 25-50lt baked beers … a springboard to become so in a professional manner.

Today I’m talking about FARC (http://www.dammiunabirra.com), Friulan beer experience rasing in San Vito al Tagliamento (PN), that from 2012 offers the “flirty” Blonde (Lager), the Red “pyrotechnics” (Amber Double Malt), the Bière de Noel (Amber spicy) … and other experiments with new beaches and baked beers (brand new: The Black Stout).

Marco & the Family have gone in almost 5 years from production for own consumption, the micro production is currently widespread in the local market, the one that starts from the participation in fairs and events in the area, and passes from mouth to bocca…getting wider …

Pyrotechnics I called the Red, because it is!Really!Starting with the need to place it within the classification of styles and types of Brewing, and recognizing the nature of Belgian Strong Ale (or Quadrupel), are also highlighted its peculiarities, the initial perception of lightness and freshness (despite the fact type) which converts the note of the “middle” of fullness, structure and body that like a firecracker for the note is released in the mouth and throat: dominates the thickness of malts which allows it to be considered ideal beer to accompany full-bodied and structured dishes, meat mostly, such as the famous (for who knows the Friulian-Slovenian tradition) Ciulacco.

Not only: the skills demonstrated in these years of brewing practice solidification lies precisely in the fact that it has acquired first the method (let’s call eye, instinct and experience that does not spoil!) which guarantees to find the same nectar bottle after bottle ..

Are you fans instead of Easy beers, those that quench all day long, the friends of the beach, for quick and thoughtless Happyhours, inseparable companions of “ignorant”sandwiches? The blonde is right for you, velvety foam, slightly cloudy and with a bitter aftertaste (but not persistent, so marked like IPA Style), which in size 33cl seems just blink for consumption without thoughts!

Whal else can I say?go linking!

PS:Thanks Marco for contributing to the culture and to the pleasure of the Movement’s Home CraftingBeer !!! God blesses you!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...